Attenzione nella vendita

Attenzione nella vendita e nei clienti

È capitato, nella carriera professionale di consulenti di marketing e vendite, di andare a visitare strutture di vario genere.
Aziende segnalateci dalla utenza perché strutture a vario titolo di grande qualità.
Attenzione nella vendita è il loro motto.

Aziende dicevamo di vario genere, delle più disparate, fra queste ospedali o ristoranti. Nel visitare queste aziende, non abbiamo incontrato neanche un briciolo di qualità in più di altre aziende similari. La unica grande, immensa, incalcolabile differenza, rispetto alle aziende simile, è l’attenzione al paziente o al cliente. Pensate per un attimo, se steste male, quanto sarebbe importante per voi avere del personale ospedaliero che vi ascolta con attenzione. Che manifesti attenzione e disponibilità in merito alle vostre problematiche.

L’attenzione è importante

Ma anche una cosa molto più banale, come una ordinazione al ristorante. Quanto sarebbe più gradevole se vi chiedessero tutta una serie di particolari. Per esempio come volete la cottura, la quantità di sale, se gradite le bevande prima o insieme alle portate. Se al termine dell’ordinazione, anziché andarsene, vi chiedessero se avete bisogno di qualcos’altro. Se si allontanassero solamente dopo avere detto garbatamente: “con permesso”…

Tutto questo di cui abbiamo parlato, si racchiude in una precisa definizione:

DARE ATTENZIONE AL CLIENTE !
NON: IL CLIENTE HA SEMPRE RAGIONE.

Ritorniamo adesso al problema di aumentare le vendite. Possiamo conseguire questo risultato attraverso un aumento del numero di clienti. Ma anche attraverso l’aumento delle vendite presso la propria clientela già esistente. Certo, soprattutto creando nuovi collaboratori, questo è fondamentale.

In tutti questi casi, nella vendita diretta, è determinante la figura del cliente già esistente.
La prima cosa che possiamo consigliare è di definire il profilo dei vostri attuali clienti. Valutare il loro carattere e la possibilità di un potenziale coinvolgimento nella vostra struttura commerciale. Offritegli una opportunità di guadagno aggiuntivo al loro attuale reddito. Evidentemente questo non deve essere fatto con tutti i clienti. Sarebbe per esempio un errore proporre a un anziano. Chi combatte quotidianamente con i propri dolori, non svolge attività di Network Marketing.

Domande iniziali nel network marketing

Vendita di successo

Come iniziare il network marketing

Stimolare i clienti e noi stessi

Esempi di network marketing

Migliore gestione portafoglio clientela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *